Blandine Ebinger

Share Button

Berlino, 4 Novembre 1899 – Berlino, 25 Dicembre 1993
Attrice, cabarettista, cantante

Blandine Ebinger

Blandine Ebinger

Figlia di un musicista e di un’attrice, intraprese la carriera artistica fin da bambina e suoi primi lavori furono nell’ambito del teatro ragazzi. Nel 1917 iniziò a lavorare come attrice cinematografica, un’attività che che proseguì intensamente per tutta la vita.

Nel 1918 conobbe Friedrich Hollaender, che sposò l’anno successivo. Il marito scrisse molte canzoni che lei interpretò soprattutto sui palchi del secondo Schall und Rauch e del Cabaret Größenwahn.

Proprio in quest’ultimo locale, nel 1921, presentò una delle esibizioni fondamentali del suo repertorio: il ciclo di canzoni Lieder eines armen Mädchens, scritte da Hollaender, che includeva: Das Groschenlied, Das Wunderkind, O Mond!, Wenn Ich mal dot bin, Girrende. Gli spettatori del Größenwahn ebbero anche modo di assistere alle prime esecuzioni di una delle canzoni più famose dei Kabarett del tempo: Johnny, wenn du Geburtstag hast.

Blandine Ebinger e Friedrich Hollaender

Blandine Ebinger e Friedrich Hollaender

In veste di attrice, Blandine Ebinger, interpretò la versione musicale di Kaiserin von Neufundland (l’originale era di Frank Wedekinds), con canzoni di Hollaender, messa in scena nel 1923 al Münchner Kammerspielen. A questa seguirono Laterna magica (1926), Das bist du (1926), Es kommt jeder dran (1928), nonché nella rivista Es liegt in der Luft (1928) di Marcellus Schiffer e Mischa Spoliansky.

Nel 1923 partecipò anche al film Mysterien eines Frisiersalons, con Karl Valentin, scritto e diretto da Bertolt Brecht e Erich Engel.

Pur non essendo ebrea, dovette affrontare l’antisemitismo nazista perché la figlia avuta con Hollaender lo era da parte di padre. Quindi, nel 1937 emigrò negli Stati Uniti, dove rimase fino al 1947.

Tornata a Berlino, continuò a recitare a teatro, nel cinema e in televisione, tenendo anche diversi concerti nei quali ripropose il repertorio degli anni della Repubblica di Weimar, perché i tedeschi non ne dimenticassero gli aspetti artistici. Dal 1974 al 1982 collaborò con la Berliner Festwochen, facendo anche tournée europee (soprattutto a Parigi).

Di seguito, la registrazione di O Mond! cantata da Blandine Ebinger.

[I testi di questa opera, se non diversamente indicato, sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribution-Noncommercial-No Derivative Works 3.0 Unported in Italia.]

Share Button