Grit e Ina van Elben

Share Button

Attrici e ballerine.

Grit e Ina van Elben.

Grit e Ina van Elben.

Della vita e della carriera delle attrici Grit e Ina van Elben sono rimaste poche testimonianze scritte, ma citiamo comunque le due artiste perché una fotografia che le ritrae è spesso usata per illustrare gli spettacoli di Kabarett dell’epoca di Weimar.

Questa riguarda una loro esibizione in veste di ballerine, nella quale moltiplicavano sé stesse con sagome a grandezza naturale, unite tra di loro per dare l’illusione di un corpo di ballo che danzava in sincrono. Si trattava di una riuscita parodia delle Tiller Girls, celebre compagnia di ballerine degli anni ’20, caratterizzata proprio dall’indistinguibilità estetica dei propri elementi. Lo spettacolo, messo in scena nel 1931 nel Tingel-Tangel-Theater di Friedrich Hollaender, fu appunto immortalato in una fotografia tra le più rappresentative del Kabarett.

Grit e Ina van Elben nella parodia delle Tiller Girls.

Grit e Ina van Elben nella parodia delle Tiller Girls.

Oltre all’attività teatrale, le sorelle van Elben furono impegnate anche in quella cinematografica. Per questa parte della loro carriera scelsero di modificare la particella nobiliare olandese del loro cognome nel corrispettivo tedesco: da van a von. Gli impegni delle due sul grande schermo furono grosso modo contemporanei (Ina dal ’20 al ’32, Grit dal ’29 al ’36) e parteciparono entrambe a cinque film, ma si incontrarono solo in uno: Die Wasserteufel von Hieflau, del 1932.

[I testi di questa opera, se non diversamente indicato, sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribution-Noncommercial-No Derivative Works 3.0 Unported in Italia.]

Share Button