Die Rakete

Share Button
La pubblicità del Die Rakete in un quotidiano dell'epoca

La pubblicità del Die Rakete in un quotidiano dell’epoca

Die Rakete (ovvero: il razzo), cabaret politico – letterario, aprì a Berlino il 16 aprile 1920 all’angolo tra Kantstraße e Joachimsthalerstraße.

Il direttore artistico Robert Eugene creò un primo spettacolo con la partecipazione, tra gli altri, di  Max Adalbert, Käthe Dorsch, Robert Liebmann, Paul Morgan, Rosa Valetti, in seguito Fritz Grünbaum.

Nel marzo del 1922, Rosa Valetti assunse la direzione, mantenendo – e in alcuni casi elevando – la qualità degli artisti coinvolti: Ralph Benatzky, Josma Selim, Wilhelm Bendow, Kurt Gerron, Leopoldine Konstantin, Hellmuth Kruger, Margarete Kupfer, Dora Paulsen, Joachim Ringelnatz, Else Ward e diversi altri.

Tra le creazioni più importanti – per la storia del Kabarett – che videro la luce nel Rakete, ci furono la Rote Melodie di Kurt Tucholsky e Himmelfahrt der Galgentoni interpretato da Egon Erwin Kisch.

Il 1° dicembre 1924, all’interno del Rakete fu stabilita la prima sede del Kabarett der Komiker di Kurt Robitschek e Paul Morgan. Quando, nell’autunno del 1925, il Rakete dovette chiudere per il fallimento del proprietario dell’edificio, il Kabarett der Komiker si trasferì al Palmenhaus in Kurfürstendamm.

Grazie a Paul Schneider-Duncker, il Rakete fu integrato nel 1926 nel suo Roland von Berlin, nella stazione di Friedrichstrasse, ribattezzandolo Roland des Westens.

[I testi di questa opera, se non diversamente indicato, sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribution-Noncommercial-No Derivative Works 3.0 Unported in Italia.]

Share Button