Tag: George Grosz

Sguardi d’artista sulle notti berlinesi

| 10 Febbraio 2014
Sguardi d’artista sulle notti berlinesi

Locali e cabaret della capitale tedesca negli anni ’10, ’20 e ’30, nelle opere di Otto Dix, George Grosz, Jeanne Mammen, Rudolf Schlichter, Gert Wollheim, Wladimir Zabotin.

Continue Reading

Il Balletto Triadico: la geometria diventa danza

| 14 Gennaio 2014
Il Balletto Triadico: la geometria diventa danza

Oskar Schlemmer, artista del Bauhaus, negli anni ’20 creò il Triadische Ballett, un incredibile spettacolo di danza in cui i ballerini erano composti da sfere e poliedri. Ecco il video…

Continue Reading

La Berlino di Weimar in una graphic novel

| 7 Gennaio 2014
La Berlino di Weimar in una graphic novel

La vita nella capitale tedesca, negli anni della sua controversa Repubblica, raccontata dal fumettista Jason Lutes.

Continue Reading

Il Kabarett di carta dello Schall und Rauch

| 17 Novembre 2013
Il Kabarett di carta dello Schall und Rauch

Il programma di sala è un oggetto quasi dimenticato nel teatro di oggi. Scopriamo come nel caso del Kabarett “Schall und Rauch” fosse addirittura un completamento dello spettacolo.

Continue Reading

Schall und Rauch

| 8 Ottobre 2013
Schall und Rauch

Lo Schall und Rauch fu un cabaret letterario ideato da Max Reinhardt e altri, che nei suoi due periodi di attività (1901-1903 e 1919-1924) ospitò alcuni degli artisti più importanti del tempo.

Continue Reading

La cultura di Weimar

| 1 Ottobre 2013
La cultura di Weimar

Un grande fermento artistico caratterizzò il periodo della Repubblica di Weimar.

Le contraddizioni della nazione furono raccontate nei libri Alfred Döblin e della famiglia Mann, nel teatro di Brecht, Piscator e Reinhardt, nella pittura delle avanguardie, nel cinema espressionista.

Ma questa, per il nazismo, era spesso arte degenerata

Continue Reading

Walter Mehring

| 15 Gennaio 2013
Walter Mehring

Walter Mehring fu uno dei pochissimi poeti a lavorare per il Kabarett, mettendo al servizio dello spettacolo i suoi testi acuti e taglienti, che prendevano di mira la borghesia, il capitalismo, il nazismo. Internato dai nel 1939, riuscì a fuggire negli USA due anni dopo.

Continue Reading